Puzza di vecchio!

puzza di vecchioAncora a qualche giorno di distanza, la puzza di vecchio che arriva dalla piazza della CGIL e della parte a sinistra del PD mi fa male.

Mi fa male allo stomaco e ancora di piu’ alla testa, perche’ non la capisco. Non capisco come sia possibile andare ancora in giro a parlare di difesa del lavoro quando di lavoro non se ne vede piu’ nemmeno l’ombra. Che cosa difendere?

Ma non si vuole capire che sto benedetto mondo e’ cambiato e che se non cambiamo anche noi con lui finiamo male?

Non si vuole capire che i sindacati non hanno mai combinato nulla negli ultimi 40 anni e che funzionavano forse, in un mondo in cui avevano senso: dal dopoguerra alla fine anni 70.

Non si vuole capire che usando le stesse parole di sempre, antiche di decenni come: lotta di classe, padrone, comunismo, ecc ecc, si sta fuori dalla realta’ piu’ di quanto gia’ la nostra povera Italia non lo sia?

Non si vuole capire, o forse si qualcuno l’ha capito. L’ha capito votando alle europee e anche alle primarie. Renzi non ha cambiato le sue idee sui sindacati, sul posto fisso, sul lavoro in generale, non vedo perche’ non indignarsi prima difronte al nuovo despota invece che adesso.

Ora che la manifestazione di Roma e’ finita e le urla della Camusso e di Landini spariranno presto, speriamo sparisca con loro anche questo odore di passato che e’ duro a morire e che e’ compartecipe della situazione in cui ci troviamo.

Abbiamo bisogno di un sindacato che usi parole nuove, non di 40 anni fa e che soprattutto sappia difendere il lavoro e non il parassitismo, sappia difendere la crescita del lavoro e non il suo declino lento e inesorabile, sappia difendere chi vuole lavorare e non ha lavoro, sappia difendere l’Italia e non il suo fantasma.

Allo stesso, aspettiamo quantomeno le scuse del ministro dell’interno per il comportamento vergognoso della polizia contro i manifestanti dell’AST di Terni; anche questo un atteggiamento che puzza di vecchio e che fa male, al cuore pero’, non piu’ alla testa.

L’Italia non ce la farà! E gli Italiani?

montanelli

Montanelli diceva che l’Italia non ha memoria, che vive nella contemporaneità, senza passato…

Un grandissimo pezzo, una riflessione importante post elettorale.

[Read more…]

Gaber – Mi fa male il mondo

Forse é come si sentono molte persone in questo periodo…

Le Elezioni – Grazie Giorgio Gaber. Dedicato a tutti…sta volta ci vuole davvero coraggio!

democrazia

…perfino nei carabinieri, c’è un’aria più rassicurante…ed è più bella anche la scuola; quando ci sono le elezioni!

Anche se piove e non c’è un’aria primaverile, ne vale la pena.

[Read more…]

Rilassati…e se la corsa fosse soltanto con te stesso?

relax

A una settimana dalle elezioni, passate un bel fine settimana di relax…

tra tutti i consigli del monologo finale di ” The Big Kahuna”: quale preferite e quale consigliereste ai candidati a guidare il nostro meraviglioso paese?

[Read more…]

E la chiesa si rinnova…

benedetto

E se questa volta decidessero di Rinnovarsi veramente, di Risorgere davvero vicino all’uomo e alla donna di tutti i giorni?

Ascoltate le parole pungenti di Giorgio Gaber e diteci la vostra!

[Read more…]

Scegliete la Vita

scegliete la vita

Veramente crediamo di potere scegliere il nostro futuro il 24 e 25 Febbraio?

Se si perchè?
[Read more…]

Italioti cazzi vostri!

vitelloni” Come il cetriolo per l’ortolano ed un ombrello di seta. La tua risposta qual’e’, caro cittadino?  Le bombe, le pietre dal cavalcavia, o cambi canale sulla D’Eusanio? E’ venuta l’ora di pensare mio caro. La tua risposta qual e’, caro cittadino? ”
[Read more…]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: