Buonanotte Italia

Un vuoto: decisionale, di potere, di idee.
Un vuoto totale.

Un Presidente della Repubblica rieletto per cause di forza maggiore, un partito storico come il PD che si sgretola, un Movimento 5 Stelle che, seppur stella nascente dello scenario politico italiano, più che gridare allo scandalo non sa fare, un Berlusconi ventennale che continua il tira e molla di promesse e compromessi.
E’ l’Italia indebolita, indecisa, priva di comando.
E’ un’Italia che sembra assopita, che fortunatamente dorme come in preda ad una anestesia, per non sentire il dolore.
Si, fortunatamente: in questo vuoto totale che fa seguito a un governo tecnico imposto, a una sinistra che si sfalda e si rinnega, a una destra che non ha piu’ coerenza e a un centro che non esiste, solo un indolenzimento di idee può evitare lo sbaraglio di un Paese.
C’è chi grida al colpo di Stato come se stesse ancora parlando e recitando da un palco della RAI in prima serata, senza pensare al vero peso delle parole.

Se l’Italia non fosse indolenzita, sarebbe un rischio grosso, grave, pericoloso.
Le coscienze vanno stimolate e incanalate costruttivamente, non scosse solamente per creare confusione.

Ma l’Italia dorme, si lamenta, accenna a svegliarsi per poi ricadere in un sonno leggero e disturbato.
La speranza è quella che si svegli guarita, in salute e pronta a ripartire.
I nuovi partiti ed i vecchi, insieme ai loro innovatori, risveglino il nostro Paese con dei programmi, delle azioni, degli accordi, delle coalizioni.
L’Italia che non è al governo non dorme, forse è solo annoiata e stanca, perchè il vecchio è come il nuovo.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, in Italia, sa quello che lascia…ma non trova nulla.

E se fosse una scelta obbligata?

Renzi BerlusconiStiamo perdendo tempo come dice Renzi o non è vero, come replica Napolitano?

Stiamo sicuramente vedendo come il PD si stia sfaldando su se stesso, come ha fatto tempo fa perdendo le elezioni e la faccia anche con Walter Veltroni, che molti vedevano come innovatore e l’apparato non gli ha permesso di sopravvivere.

Stiamo assistendo a una scelta sempre più forzata, da parte della sinistra: scendere a patti con Berlusconi, e tutto questo perché Grillo non ne ha voluto sapere.

Pensiamo che il 30% del Paese ha comunque votato PDL e Lega. PDL e Lega come quasi tutti pensano, anche tra chi li ha rivotati, ci hanno portato nella situazione in cui siamo ora: niente riforme economiche, niente liberalizzazioni, niente riforme costituzionali, una legge elettorale definita da porci dai loro stessi creatori e leggi ad personam che non si contano. Il problema di fondo è comunque che il 30% è tanto e se il paese vuole questo
, come non prenderne coscienza fino in fondo!

Come detto prima, si è provato con Grillo con il quale il PD ha più punti in comune che con il PDL, ma i 5 stelle, anche se si stanno dividendo al loro interno, non ne vogliono sapere.

Mettersi con il PDL per Bersani è una “bestiata” e chi scrive la pensa allo stesso modo, ma non vi sono altre alternative vista la chiusura di Grillo. Andare al voto con Renzi non supportato dall’interno partito, sarebbe l’ennesimo suicidio che vedrebbe naufragare, forse per l’ultima volta, il nostro centro sinistra e rimarremmo in mano a Berlusconi e co, ancora.

Ecco che lancio una riflessione al PD: posto che il 5 stelle non ci sta, meglio un duetto con Berlusconi oggi o un Berlusconi da solo domani? Alla fine io mi accontenterei della situazione meno peggiore, in attesa che si formi un centro sinistra compatto attorno a Renzi. Senza un PD unito, anche se Renzi dovesse vincere le prossime primarie, sarebbe meglio lasciar perdere le elezioni che sarebbero sicuramente perse.

Siccome siamo in continua campagna elettorale, vi lancio un’ultima provocazione: le letture dantesche di Benigni, su Raidue, attirano sempre meno spettatori. La sesta puntata si è fermata a 747.000 ascoltatori pari al 2.52% di share. Su Rai1 “Che Dio ci aiuti 2”, con la Ricci, ha fatto 7.271.000 telespettatori e uno share del 24,12%…

Capisco che Dante sia magari una bella rottura di palle, però non lamentiamoci dei risultati elettorali perfavore, ma degli italioti di cui è pieno il paese!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: