Io, me ne frego!

non-me-ne-frega-un-cazzoIo me ne frego dell’Egitto e dei fratelli musulmani, del dissidente kazako, della Siria, di Snowden e l’asilo politico, di Berlusconi che sarà o no condannato, del PD che si fa l’ennesimo autogol, del Papa che finalmente fa il Papa e pure della Kyenge e di Calderoli.

Me ne frego di scrivere su questi temi, sulla loro immensa importanza per il destino di tutti noi.

Me ne frego anche della disoccupazione, delle aziende che falliscono perché lo stato non paga, delle morti bianche calate del 10%, della crisi che non finisce più.

Basta!

Sono anestetizzato.

Ce l’hanno fatta.

Mi hanno reso insensibile.

Me ne frego di tutto questo che mi capita intorno.

Mi interessa di più ormai di un cucciolo di panda appena nato che di Renzi ha deciso di candidarsi alla segreteria del PD.

L’unica voglia è di rifugiarmi in me stesso per riscoprire quello che c’è fuori, ma senza fretta, con una tisana o una grappa a fianco e la pioggia fuori che ritma il tempo.

In questo bagno di individualismo e cinismo però sento Gaber, sempre lui, che ci vede più lontano…per parafrasarlo: Cari amici, riportatemi nella realtà!

http://www.youtube.com/watch?v=LQd4S01SVoQ

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: