Forza Italia Remix

CARTELLI BERLUSCONI FORZA ITALIAIo un po’ lo capisco, Silvio. Chi non vorrebbe tornare al 1994? A un secolo confortevole che ormai conoscevamo bene. A un anno così sbiadito da sembrare memorabile.

La nostalgia funziona così, mischia un po’ tutti gli anni tra di loro e alla fine indugia su quei ricordi che rivalutano intere stagioni.

Nel 1994 tutto sembrava possibile. Il Parma poteva vincere la Supercoppa Europea, Aleandro Baldi e Andrea Bocelli trionfavano a Sanremo, Matteo Renzi girava la Ruota della Fortuna, dove Paola Barale era ancora la sosia di Madonna.

Brenda lasciava Beverly Hills e chiudeva ogni triangolo. Il Postino di Troisi usciva nei cinema e ancora in America non sospettavano che di lì a poco avrebbero smesso di guardare film italiani. Noi, del resto, non sospettavamo che perdendo un Troisi ci avremmo guadagnato una Maria Grazia Cucinotta.

RaiTre mandava in onda Tunnel, RaiUno Beato Tra Le Donne. Chissà come sono invecchiati male i vari concorrenti. Scommetto che l’esercito di spintarelle tornerebbe volentieri al 1994, a quei mesi di spensieratezza e fisici tonici.

Nel 2013 abbiamo invece l’esercito di Silvio, che si raduna a piazza del plebiscito per hashtaggare, che il Signore li perdoni, la #guerracivile. La mancanza di lucidità è evidente, se anni di Festivalbar non hanno insegnato loro che nulla di televisivo può avvenire in agosto.

Nel 1994 c’era Corona, quella vera, con The Rhythm Of The Night. C’era un tempo in cui gli italiani vendevano dischi. E neanche pochi, fuori dai propri confini. Si ballava Sweet Dreams de La Bouche e sulle coste romagnole si diffondeva l’archetipo della vita bassa.

Ambra era Ambra e cantava T’Appartengo. Tra le tante mancanze della Fininvest, quella che più merita condanna e pubblico ludibrio è forse la decisione di rimuovere i contenuti Mediaset da Youtube. Altro che frode fiscale.

Giorgio Faletti presentava Signor Tenente, Jovanotti scriveva Serenata Rap. I più insospettabili sembravano destinati a fare grandi cose.

Nel 1994 il Milan vinceva lo scudetto e Silvio Berlusconi entrava in politica.

Nel 2013 torna Forza Italia. Silvio torna, come se fosse mai stato via, mentre di Ice MC e Alexia non c’è traccia.

E mentre voi siete in vacanza, a Milano spuntano cartelli «Ancora in campo per l’Italia». Ancora in campo. Come se Baggio decidesse di tornare sul prato del Rose Bowl e calciare quel rigore. Perché adesso sì che lo segnerebbe.

Ti e' piaciuto? Si? No? Commenta! Continua a seguirci. Segui la nostra terapia per debellare l'Italiota che c'e' in te. Una buona lettura a settimana ti aiutera' :)
Controlla lo spazio "Coming Soon" nella colonna di destra per avere un assaggio delle prossime pubblicazioni.
Seguici, piacici, condividici su facebook, linkedin, twitter!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: