La primavera tarda ad arrivare

proteste-in-siriaCome mi spiace che in Siria non ci sia il petrolio.

Come sono schifato dal vedere speculare sulla vita di tante persone; gli speculatori di tutti i tipi, quelli che per ragioni politico ideologiche sostengono una o l’altra parte, l’imperialismo USA o la “saggia” Russia.

Tutto questo mi fa schifo.

Fatico a capire perché alla comunità internazionale, tutti i paesi nessuno escluso, non gliene freghi mai un cazzo della vita della gente, e sono li proprio per questo. I giochi di forza stile guerra fredda dovrebbero essere finiti, terminati da più di 20 anni e invece no, ancora non si capisce.

Un mondo con Assad faceva molto più comodo all’occidente e a Israele di una Siria destabilizzata e in mano a gruppi islamici di varia provenienza, per questo il tutto ha ancora meno senso, non ha un senso politico, logico e strategico. Lo stesso per la Russia e l’Iran.

La situazione ora è profondamente diversa da quelle passate: diversa dall’Iraq, dall’Afganistan e dall’ex Jugoslavia.

Iraq e Afghanistan sono state guerre insensate, americane: una per pura speculazione economica, l’altra per vendetta.

In Siria c’è già una guerra civile in atto che andava fermata molto prima, come sarebbe dovuto essere in Bosnia.

Non ha senso parlare di chi ha armato chi, se i ribelli sono al soldo dell’occidente e dell’Arabia e la Siria protetta da Russia, Cina e Iran. Il punto vero su cui riflettere dovrebbe essere solo la sofferenza delle persone.

Una comunità internazionale che si rispetti e un occidente che porta la bandiera della giustizia in giro per il mondo, non so con quale coraggio, avrebbe dovuto intervenire subito, dopo la prima settimana di sparatorie, senza attendere anni e intervenire quando tutto è già crollato. E per cosa ora? Per aggiungere dolore ad altro dolore. In questo si mi ricorda la Bosnia: non intervenire nel ‘92 ha portato a genocidi indicibili e alla distruzione; non parlo solo di una città, “Sarajevo”, e di interi villaggi, ma dell’identità stessa per cui l’Europa Unita era nata. Ora con la Siria sta succedendo la stessa cosa, però in scala mondiale. Tutto questo dovrebbe sancire definitivmente l’inutilità e l’insensatezza della Nazioni Unite. Non che ci servissero altre prove!

…e tutto questo per sete di potere e il piacere di giocare a risiko, come al solito!

“La primavera intanto, tarda ad arrivare”

Annunci

Nella guerra vera non esistono eroi

Una tragedia umanitaria. 
La conferma dell’utilizzo di armi chimiche in Siria sconvolge, ci tocca nel profondo, ci paralizza. 
Nel quotidiano ci sconvolgono la guerra e quelle poche immagini che riescono ad arrivarci, che sfuggono al setaccio della censura, ma ci sembrano cosi’ distanti da farci dimenticare che c’e’ crudelta’ a questo mondo. 

Come nei peggiori film di fantascienza, al contrario, le armi chimiche ci lasciano attoniti, ci terrorizzano, perche’ risvegliano in noi quella paura di epidemie e stermini di massa da record di incassi nelle sale cinematografiche pre-natalizie. 
L’occidente e’ il popolo della televisione, dei cinepanettone, di Hollywood, delle guerre mediatiche. 

Le guerre chimiche ci rimandano dietro ai grandi schermi, con la differenza che di norma nei film alla fine arriva l’eroe. 

Ma dove sono gli eroi nella realta’? 
Dove sono Bruce Willis, Will Smith, Rambo? 
Chi arrivera’ a salvare un popolo, anzi quei tantissimi popoli nel mondo, che lentamente muoiono, non solo nel corpo, ma anche nell’anima? 

Arrivera’ forse qualcuno un giorno. 
Quello stesso qualcuno che improvvisamente si e’ accorto del regime di Saddam, della dittatura di Gheddafi, dell’esistenza di Osama Bin Laden. 
Che prima non sono dittatori o terroristi, ma uomini d’affari e intermediari, da non toccare per non “sconvolgere gli equilibri internazionali”. 
Quegli equilibri che stanno in piedi sulla repressione della liberta’ di un popolo e sul terrore. 

Purtroppo nel mondo c’e’ sempre una guerra a scacciare un’altra guerra, non un eroe. L’alternativa che ci si da sempre piu’ spesso e’ quella del far finta di non vedere. 
Non entro nel merito di interventismo o meno, sovranita’ di un popolo, azioni internazionali giuste o sbagliate. 

Nell’impotenza di un singolo cittadino, normale, senza competenze o poteri decisionali in merito alla politica internazionale, mi sento di esprimente una solidarieta’ nei confronti di tutti quei cittadini cosi’ lontani da noi che vivono nel terrore, in qualsiasi continente si trovino. 

Con la solidarietà altrui non ci si salva la vita e non si ritrova la pace, ma forse si smuovono le coscienze.Immagine

Back to reality

Agosto in Italia è simbolo di vacanza, di viaggi, di mare, di sole, di mete sconosciute, di facce abbronzate (e arrossate n.d.a.), di facebook invaso da check-in e foto con le due dita oblique (qualcuno me le deve spiegare poi…), di spensieratezza, di distacco da quel quotidiano che ci attanaglia.
Ad agosto non c’è la crisi: ad agosto c’è il sogno, il “ricomincio a settembre” che è diventato tradizione dai tempi dei nonni che lavoravano in fabbrica.
Terra di emigrati ed emigranti, ad agosto tutto tace in Italia, anche per chi rimane nelle grigie città ma segue la scia di tutti gli italiani che staccano il cervello per “rigenerarsi”.

Mi sono rigenerata anche io, ho voluto staccare per qualche settimana.
Una meta sconosciuta, una realtà totalmente distaccata dalla nostra, un viaggio alla scoperta di nuove culture.
Ma come tutte le cose belle (e brutte), prima o poi si arriva ad una fine.
Questa fine per l’italiano medio si chiama volo-con-scalo-dalla-durata-totale-che-varia-dalle-12-alle-26-ore, che tu sia andato in Marocco, in India o in Australia.

Mi ritrovo così seduta nella lounge Skyteam, e mentre attendo il momento del secondo check-in, decido di approcciare le news sfogliando l’Herald Tribune, edizione week end.
Heathrow, caffè bollente, lounge ordinata e pulita, una piccola oasi di benessere nel malessere di un infinito viaggio intercontinentale.

Ho voglia di riprendere il contatto con la realtà, quella della mia amata informazione europea, fatta di spread, banche e governi in bilico, famiglie reali che crescono, frodi fiscali che spuntano e poi scompaiono nuovamente.

Leggo la prima pagina, per una breve overview di ogni Paese: la tragica notizia di un Egitto in piena rivolta, la situazione oltre oceano del gigante cinese che affronta una crisi del credito, i conflitti in Rwanda, la morte dell’avvocato internazionale che per anni ha difeso criminali politici, dittatori e terroristi facendola franca per 88 anni.
Drammi e questioni serie in prima pagina.
In italia tutto bene allora!
Rifletto ogni volta su quanto siamo fortunati a vivere in un Paese lontano da guerre, genocidi, bombe, rivolte.
Mentre sto per voltare pagina il mio occhio cade su un piccolo trafiletto e di sfuggita legge un ” Berl…”.

No. Basta. Non può essere. Riguarderà il prossimo processo. Sai, magari è anche ora di giudicarlo per tutto quello che ha fatto…la prostituzione minorile non era un reato, tra i tanti?!
Mi incuriosisco e torno alla pagina precedente.
E rimango basita “Aerial ad blitz for Berlusconi”.
Voglio capire: siamo nella merda, indebitati, con un tasso di disoccupazione superiore alla media europea, con la crisi che galoppa, le grandi fabbriche italiane in cassa integrazione, gli esodati, i pensionati da 500 Euro al mese, la mafia (che c’è ancora), un governo che per l’ennesima volta è frutto di un compromesso…e c’è chi pensa a organizzare blitz aerei con striscioni a supporto di un uomo che è palesemente in torto, ci ha governato, ed e’ stato processato per una sola della miriade di infrazioni giudiziarie che ha compiuto?!

Rileggo bene “…small planes flew over crowded beaches, towing banners saying “Forza Silvio, Forza Italia” or “Go Silvio, Go Italy” in disagreement with what Mr Berlusconi’s supporter call a politically motivated convition”.
Ho capito bene allora.
Per i nemici dell’inglese, “piccoli aerei sorvolano spiagge sventolando striscioni “Forza Silvio, Forza Italia” o “Go Silvio, Go Italy”.
Vogliamo dire che non ha commesso fronde fiscale?! Ma è palese!!
E noi vogliamo essere ancora rappresentati da un evasore?

Ragazzi, ma mettiamo striscioni per i disoccupati, le ragazze madri, gli orfani, gli esodati, le persone affette da malattie gravi, la ricerca scientifica, la tutela dell’ambiente in cui viviamo e che per anni abbiamo avvelenato (e stiamo avvelenando) in nome dell’occupazione.

Ma stiamo scherzando? Attonita, mi avvio al check in, è ormai l’ora di imbarcarsi.
Volo Alitalia: speriamo di non trainare nessuno striscione pro-Silvio da Londra a Milano.

Forza Italia Remix

CARTELLI BERLUSCONI FORZA ITALIAIo un po’ lo capisco, Silvio. Chi non vorrebbe tornare al 1994? A un secolo confortevole che ormai conoscevamo bene. A un anno così sbiadito da sembrare memorabile.

La nostalgia funziona così, mischia un po’ tutti gli anni tra di loro e alla fine indugia su quei ricordi che rivalutano intere stagioni.

Nel 1994 tutto sembrava possibile. Il Parma poteva vincere la Supercoppa Europea, Aleandro Baldi e Andrea Bocelli trionfavano a Sanremo, Matteo Renzi girava la Ruota della Fortuna, dove Paola Barale era ancora la sosia di Madonna.

Brenda lasciava Beverly Hills e chiudeva ogni triangolo. Il Postino di Troisi usciva nei cinema e ancora in America non sospettavano che di lì a poco avrebbero smesso di guardare film italiani. Noi, del resto, non sospettavamo che perdendo un Troisi ci avremmo guadagnato una Maria Grazia Cucinotta.

RaiTre mandava in onda Tunnel, RaiUno Beato Tra Le Donne. Chissà come sono invecchiati male i vari concorrenti. Scommetto che l’esercito di spintarelle tornerebbe volentieri al 1994, a quei mesi di spensieratezza e fisici tonici.

Nel 2013 abbiamo invece l’esercito di Silvio, che si raduna a piazza del plebiscito per hashtaggare, che il Signore li perdoni, la #guerracivile. La mancanza di lucidità è evidente, se anni di Festivalbar non hanno insegnato loro che nulla di televisivo può avvenire in agosto.

Nel 1994 c’era Corona, quella vera, con The Rhythm Of The Night. C’era un tempo in cui gli italiani vendevano dischi. E neanche pochi, fuori dai propri confini. Si ballava Sweet Dreams de La Bouche e sulle coste romagnole si diffondeva l’archetipo della vita bassa.

Ambra era Ambra e cantava T’Appartengo. Tra le tante mancanze della Fininvest, quella che più merita condanna e pubblico ludibrio è forse la decisione di rimuovere i contenuti Mediaset da Youtube. Altro che frode fiscale.

Giorgio Faletti presentava Signor Tenente, Jovanotti scriveva Serenata Rap. I più insospettabili sembravano destinati a fare grandi cose.

Nel 1994 il Milan vinceva lo scudetto e Silvio Berlusconi entrava in politica.

Nel 2013 torna Forza Italia. Silvio torna, come se fosse mai stato via, mentre di Ice MC e Alexia non c’è traccia.

E mentre voi siete in vacanza, a Milano spuntano cartelli «Ancora in campo per l’Italia». Ancora in campo. Come se Baggio decidesse di tornare sul prato del Rose Bowl e calciare quel rigore. Perché adesso sì che lo segnerebbe.

Qualcuno era di destra (prestito non richiesto a Giorgio Gaber)

 

gaberQualcuno era di destra perché era nato in una famiglia borghese, siciliana,  ma che sa che “lavorare stanca”.

Qualcuno era di destra perché un nonno era stato un giovane fascista, l’ altro un socialdemocratico … e poi entrambi due vecchi (ed onesti) democristiani di destra e di sinistra.

Qualcuno era di destra per polemizzare con suo padre.

Qualcuno era di destra anche perché prima (prima, prima…) non poteva essere stato fascista. Non era ancora nato chi potesse metterlo al mondo come figlio della lupa e rifiutava il fascino della nera nostalgia e poi non gli prudevano le mani!

Qualcuno era di destra perché molti personaggi “mitici” della sinistra si erano rivelati agli occhi della Storia dei mostri sanguinari che neanche il cavalier Benito…

Qualcuno era di destra perché vedeva gli Stati Uniti  come una promessa di libertà mantenuta, l’Inghilterra come la terra di approdo del fair play e del merito, la Spagna come il risveglio della Vecchia Europa , il liberalismo come il vessillo del progresso conquistato a forza di giusto merito.

Qualcuno era di destra perché i gulag, le foibe, la frustrazione egualitaria delle tute blu di Mao, la vita degli altri violata dalla Stasi, i fatti d’Ungheria, i carri armati di Tienanmen, Pol Pot, Ceaucescu, i silenzi e le connivenze da finanziamento sovietico  del PCI, eccetera, eccetera, eccetera..

Qualcuno era di destra perché gli piaceva sentirsi solo contro tutti.

Qualcuno era di destra perché frequentava un liceo classico  di professori e compagni di sinistra.

Qualcuno era di destra nonostante il cinema, il teatro, la pittura, la letteratura, la musica che gli piacevano proiettassero, recitassero, dipingessero, scrivessero, suonassero  con la mano sinistra.

Qualcuno era di destra nonostante apprezzasse l’amicizia di uomini e la tenera amicizia di donne…quasi sempre di sinistra e quasi mai di destra.

Qualcuno era di destra perché essere di sinistra per tanti come lui era uno status symbol e voleva rifuggire l’omologazione.

Qualcuno era di destra per provare l’ebbrezza di essere in minoranza in una cerchia di amici e conoscenti quasi tutti di sinistra.

Qualcuno era di destra perché assaporava il gusto della vittoria alle urne quando i sinistri musi lunghi bevevano dall’amaro calice della sconfitta.

Qualcuno era di destra ma poco dopo la prima vittoria vissuta sentiva sempre più forte uno sgradevole odore proveniente da destra e non era il fresco profumo di libertà che voleva respirare a pieni polmoni.

Qualcuno era di destra ma cominciava a sentire giramenti di testa e crisi di coscienza come se avesse preso più di un destro alla testa ed allo sterno.

Qualcuno era di destra ma non voleva più leggere e sentir parlare di compromessi morali ammantati da false ragion di Stato maleodoranti di malaffare.

Qualcuno era di destra perché viva la libertà, ma non il libertinaggio delle e nelle istituzioni.

Qualcuno era di destra perché basta con la lotta di classe, si parta dall’uguaglianza ai blocchi di partenza e poi ci si disseti di merito lungo la propria corsa, si proceda con una ridistribuzione dei diritti sociali, no all’iconoclastia indiscriminata delle carte vecchie dei diritti, sì al restauro conservativo che ceda ai figli un po’ di smalto protettivo senza privarne però i padri.

Qualcuno era di destra perché il senso dello Stato ed il rispetto della legge deve rendere uguali tutti i cittadini ed assicurare un vivere ordinato dei diritti in libertà senza calpestare quelli degli altri.

Qualcuno era di destra malgrado da destra ci fosse chi pretendesse di essere “più uguale degli altri” sfregiando ripetutamente lo Stato di diritto.

Qualcuno era di destra perché Giorgio Ambrosoli, Paolo Borsellino, erano delle persone integerrime, dei padri straordinari nella loro forza e debolezza, dei Servitori esemplari dello Stato in uno stato assai marcio e corrotto, ed erano di destra.

Qualcuno era di destra perché la rivoluzione liberale…? oggi, è troppo presto, il paese non è pronto. Domani, forse, dopodomani chissà, insomma si farà, basta con i carrozzoni delle municipalizzate trainate da e per i clientes, basta con il sei politico nella pagella dell’Italia postsessantonina!

Qualcuno era di destra perché voleva sciogliere lacci e lacciuoli dello statalismo, ma non lasciare che avidi speculatori privati sfilacciassero indiscriminatamente il tessuto collettivo.

Qualcuno era di destra ma preferiva Raitre a Rete quattro.

Qualcuno era di destra malgrado ci fosse il grande partito (o il partito grande) del popolo delle libertà ed avesse dovuto votarlo, anche se per una sola volta. Turiamoci forte il naso!

Qualcuno era di destra anche se non abbiamo mai avuto un vero partito liberale di massa!

Qualcuno era di destra perché non si poteva lasciare il liberalismo alla sinistra riformista eternamente incompiuta ed impotente!

Qualcuno era di destra perché dopo cinquant’anni di governi democristiani, socialisti e  dopo Tangentopoli bisognava riprendersi la cattedra del governo e lasciare i magistrati al solo (ma intoccabile) esercizio del potere giudiziario.

Qualcuno era di destra anche se in mezzo a lui c’erano i ripescati ed i riemersi tra quei democristiani e socialisti di cui non voleva sentir parlare.

Qualcuno era di destra perché provava ogni volta una morsa al cuore allo svincolo di Capaci, un sussulto di doloroso orgoglio per le parole di Paolo Borsellino sull’impegno civile collettivo richiesto per lottare con successo contro la mafia, una ammirazione per il coraggio del giovane Rosario Livatino, un penoso senso di riconoscenza nei confronti di coloro che alla mafia ed al terrorismo hanno dovuto consegnare la propria vita per non cedere al ricatto, al sopruso e per dare una possibilità di riscatto a chi restava nella lotta e nell’inerzia.

Qualcuno, qualcuno credeva di essere di destra, e forse era qualcos’altro.

Qualcuno era di destra perché sognava per l’ Italia libertà e merito, giustizia e progresso, ma con volti più umani e più belli di quelli made in USA, con mani non invischiate in affari da novella America Latina dei plutocrati, da Russia da capitalismo a la KGB, da Libia post coloniale.

Qualcuno era di destra perchè la magistratura deve perseguire tutti i reati con autonomia, abnegazione e senza remore, senza inseguire progetti di bonifica della classe politica laddove la prova del marcio penalmente rilevante non sussista.

Qualcuno era di destra ed era ottimista e pessimista, così in un colpo solo fregava i musoni di sinistra.

Qualcuno era di destra perché aveva bisogno di una spinta verso qualcosa di nuovo, perché sentiva la necessità di rivendicare anch’egli una morale ed una cultura che non fosse solo quella sbandierata gelosamente e con  alterigia dalla sinistra.

Perché forse era solo una forza, un volo, un sogno e quel Qualcuno si è preso – anche se per poco – un grande abbaglio.

Era solo uno slancio, un desiderio che tutto potesse cambiare senza che niente restasse così com’era.

No, niente rimpianti. Solo amarezza per aver dato un po’ di credito ad un filibustiere presentatosi tra le macerie di questo disgraziato paese come condottiero della rivoluzione liberale. E tanto sconcerto per la squallida comitiva di innumerevoli lacchè, piccoli arrivisti, tenaci parassiti, volgari odalische, mediocri erinni che popolano il sottobosco italico.

 

Quel Qualcuno è ancora giovane, forte, lucido abbastanza da gridare ai rapaci ancora in volo ma a quote basse che la sua generazione non ha perso e non intendere perdersi!

Quel Qualcuno crede che in molti dovranno spiegare le loro ali ed anche se punteranno verso  la rotta tracciando traiettorie diverse dalla sua, dovranno provare a volare in alto, come dei gabbiani rinati, e lasciare scie parallele nel cielo che fungano da binari dove far passare il comune sogno di un’ Italia migliore.

Quel Qualcuno sa che il suo Paese può e deve essere la sua Patria e la Patria di tutti coloro che vogliono riprendere a volare.

Quel Qualcuno sa che la sua intenzione di volare potrà realizzarsi spiccando dal nido della avvilente sopravvivenza quotidiana, troppo marcio per continuare a starci dentro.

Perché ormai è l’incubo che si è rattrappito ed il sogno di un’Italia che deve destarsi è ancora espressione di un alto imperativo categorico da librarsi sicuro e fiero nell’aria.

P.S. Chiedo scusa a Giorgio Gaber

Il sole splende a Belgrado

Belgrado

Nella lunga attesa del verdetto della sentenza del processo Mediaset, il Cavaliere si affidava al “fattore C” come riportato dalle pagine del Corriere ieri. Quello stesso fattore che aveva fatto si che i sogni della Stella Rossa di Belgrado, in vantaggio di un gol e con un uomo in più, si infrangessero contro un fitto banco di nebbia e permettessero al Milan di tornare in campo da zero il giorno dopo.

Oggi il sole splende a Belgrado. Nessuno ridarà l’onore perduto di una probabile vittoria tanto alla Stella Rossa quanto all’Italia, ma la Cassazione non ha rinviato l’incontro ed ha confermato la condanna.

Un anno di domiciliari non sembra poi una fine tremenda se si prendono in considerazione Arcore, qualche bottiglia di prosecco, il cagnolino Dudù e qualche amico/a pronto a fare compagnia. Di questo poco ci importa. Non crediamo abbia nessun impatto sulle nostre vite personali.

Che cosa succederà adesso? Quali saranno le ripercussioni sulla stabilità del governo di larghe intese? Il Paese ha bisogno di riforme radicali per riprendere il cammino della crescita ed è ancora una volta troppo ripiegato sulle questioni interne per rispondere ad una perdita di competitività e credibilità internazionale.

All’uomo Silvio come al nostro Paese auguriamo la migliore sorte possibile.

Il cielo su Roma resta comunque abbastanza nuvoloso ed incerto e ci chiediamo quando finalmente possa risplendere il sole.

I pensieri monchi

silvioMi viene da ridere. Ridere come sempre per la superficialità dei commenti che si leggono su fb e twitter.

La foto qua a fianco vale più di mille parole.

Proprio per pudore uno prima di sparare sentenze varie dovrebbe far passare un po’ di tempo e riflettere.

Invece abbiamo:

chi stappa bottiglie di champagne e chi dice a chi stappa di godere solo delle disgrazie altrui

chi finalmente dice che il sistema ha funzionato e non si rende conto che il sistema, proprio perché ci ha messo tanto, forse non funziona

chi sostiene che la giustizia non va cambiata perché finalmente ha dimostrato che la legge è uguale per tutti, ma forse va proprio cambiata perché non è vero, soprattutto per chi giudica

chi parla di libertà infranta e rubata da una massoneria giudiziaria ma non si rende conto che se lui avesse fatto le stesse cose avrebbero buttato via la chiave da tempo

chi pensa che tutto cambi, ma non si rende conto che non cambierà nulla

chi pensa che la dignità di uno stato non sia definita dal proprio rappresentante e chi pensa che sia solo quello

chi pensava che essere derisi da due capi di stato a noi vicini fosse vergognoso e chi pensava che fosse una prova del ritrovato vigore dell’Italia

chi continua a sostenere che se uno è seguito da milioni di persone allora debba essere al di sopra della legge e chi sostiene che invece deve essere uguale a tutti gli altri: forse c’è qualcosa che non va in tutte e 2 le visioni

chi dice che bisogna cambiare le cose e che forse finalmente cambieranno, ma in 20 anni di cui la metà al governo, non ha fatto nulla

chi non capisce che questo può essere l’ennesimo tornare indietro e chi pensa sia la svolta vera per guardare avanti.

Di sicuro non ho citato tutte le categorie possibili.

In questo turbinio di pensieri che vengono buttati giù tanto per scrivere qualcosa, continuo a pensare che troppe persone debbano esprimersi per difendere una loro identità, delle loro idee, senza mai però approfondire abbastanza, senza mai andare oltre il tifo per la propria squadra. Questo atteggiamento adolescenziale non lo sopporto più.

Non sopporto più i pensieri monchi di cui ci ricopriamo. Sono fuorvianti, buoni allo stadio e non oltre.

Ora sembra che tutto debba cambiare e prendere un’accelerata improvvisa. Invece ho un oscuro presagio, proprio perché noi Italioti non siamo capaci di pensiero, ma solo di sensazioni su cui basiamo tutto il resto.

Siamo stati fermi per 20 anni sia a destra che a sinistra per la stessa persona e ora cosa dovrebbe cambiare?

Stiamo andando avanti, stiamo procedendo a lunghi passi…a me sembra di tornare un pochino indietro: Forza Italia, ce la puoi fare.

 

Non diro’ A

Diro’ B. Come B……..oni. State boni.

Prevedibile? Abbastanza.

La tanto attesa calda stagione sembra quasi voglia farsi aspettare canta Carmen Consoli, invece la tanto attesa sentenza finalmente e’ arrivata. E proprio quando tutti stanno per staccare la presa del pc e scollegare il cervello in vista delle meritate ferie d’agosto, delle code al casello e di un Apollo o un Icaro all’Autogrill (“prendiamo anche un caffe’ e un gratta & vinci grazie”), la Cassazione si esprime.

D’Annunzio sosteneva che l’attesa del piacere e’ essa stessa piacere. Ora…provate a spiegarglielo voi alle orde di Perugini schierati all’alba in superstrada con carrarm-auto munite di ombrelloni a righe bianche e blu e borsa frigo catarifrangente…

…o ai consulenti intrappolati in giacca e cravatta per circa 253 giorni all’anno (69% se includiamo anche il casual Friday che di casual spesso ha solo la sbornia serale) nell’altalena di sbalzi termici tra aria cond

izionata di aerei e uffici (se funziona) e afa brodosa di grandi citta’ presto deserte…

Ma allora non e’ che l’attesa del dispiacere e’ essa stessa dispiacere? No. Non per tutti. C’e’ chi intanto giusto per non restare con le mani in mano durante quei 2..3…12 anni “scende” in politica e “sale” ai vertici di governo per avere accesso alla console decisionale che gli permettera’ di modificare alcune leggi di importanza capitale per l’esito di vicende che la/lo riguardano da vicino.

E infatti al di la’ del merito in se’ della vicenda e della sua conclusione PROVVISORIA c’e’ da riflettere sulla sua declinazione pratica: 4 anni confermati, di cui 3 coperti da indulto -> 1 ai domiciliari e/o servizi sociali. Tutto sommato, si e’ sottratto abbastanza. Mentre si rinvia all’autunno la decisione in merito all’interdizione dai pubblici uffici. “Autunno, gia’ lo sentimmo venire, nel vento d’agosto”

Interessante e’ la riflessione sulla prosecuzione della carriera politica di B. e le relative implicazioni per la stabilita’ del governo. L’articolo 1 della legge Severino n.235 del 31/12/2012 stabilisce che “non possono essere candidati e non possono comunque ricoprire la carica di deputato e di senatore […] coloro che hanno riportato condanne definitive a pene superiori a due anni di reclusione” .

Segue l’articolo 3 della stessa legge che dice: “qualora una causa di incandidabilità di cui all’articolo 1 sopravvenga o sia accertata nel corso del mandato elettivo, la Camera di appartenenza delibera ai sensi dell’articolo 66 della Costituzione”, il quale a sua volta ci dice che “ciascuna Camera giudica dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità”. Le sentenze definiti

ve di condanna dell’articolo 1 quindi, se emesse nei confronti di deputati o senatori in carica, sono immediatamente comunicate alla Camera di rispettiva appartenenza.

Sara’ dunque compito del Senato ora pronunciarsi sull’argomento, avendo a disposizione due opzioni:

1)        L’accoglimento della sentenza della Cassazione -> estromossione dal Senato

2)        “Uno scontro istituzionale tra Parlamento e Magistratura di proporzioni non definibili” (http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-08-01/governo-rischia-195042.shtml?video&uuid=AbtxVUJI&mccorr=AbcFcZJI).

E queste cose il governo le sa bene. E sa che quello che succedera’ nei prossimi giorni, mentre noi saremo intenti ad arrossarci la faccia, sara’ una prova della sostenibilita’ dell’attuale grande coalizione. Countdown to showtime started. E c’e’ chi dice: andiamo dritti al voto. E chi invece: calmi, stiamo calmi.

E voi. Che dite??

images

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: