Scurò – Piccolo omaggio a Franca Rame

Franca Rame-bozzettoSperavo di dare voce al mio dolente controcanto il più tardi possibile ma purtroppo ieri il Sipario italiano si è listato a lutto.
Anche Franca Rame ha dovuto lasciare le scene terrene in quanto scritturata dal Teatro Stabile dell’Aldilà.
Non ho avuto l’occasione di vedere Franca Rame calcare le scene dal vivo ma so e sono convinto che abbia rappresentato il Teatro in Italia ed all’estero con una passione scenica, civile e politica degna di un’eroina della tragedia greca.
Qualche tempo addietro, quando il male di vivere sembrava irrimediabilmente affliggerla unitamente alle continue offensive all’ormai gracile fisico, scrisse sul suo blog de Il Fatto quotidiano (www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/30/lettera-damore-a-dario/483928/ ) un accorato atto di amore per il compagno di scene e di vita Dario Fo e per il Teatro supplicando di poter riprendere a calcare le scene.
Lo riterrei un testamento disperato, di chi ha vissuto una vita piena ed intensa, carica di adrenalina, violata dalla brutalità umana, pervasa da tante passioni, e sa di essere all’atto finale della propria pièce, al punto da provare a dipanarne il canovaccio.
Non ho apprezzato sempre le sue più recenti battaglie politiche condotte al tintinnar di manette (e credo che anche lei sia rimasta delusa da alcuni compagni di “avventura”) e, più indietro nel tempo, non avrei condiviso appieno il “soccorso rosso” prestato nel periodo buio e complesso degli anni di piombo: ma ne ho apprezzato (e ne avrei apprezzato pur con distinguo) la coerenza e l’integrità.
Ma non importa.
Mi spiace non aver potuto condividere l’emozione che indubbiamente propalava dai palcoscenici che hanno avuto l’onore di essere battuti dalla sua forte grazia scenica, di non aver potuto raccogliere direttamente dalla sua voce il messaggio vibrante di protesta contro i soprusi dell’uomo padrone di fabbrica e di corpi, in difesa dei derelitti e dei più deboli.
Ho avuto modo di seguire una delle loro ultime battaglie contro un’odiosa, meschina, volgare truffa ordita ai danni del loro Comitato “Il Nobel per i disabili” (http://comitatonobeldisabili.blogspot.it/ ) fondato per prestare assistenza con il premio ricevuto nel 1997 e ricordo come ai momenti di sconforto sopravvenivano potenti slanci combattivi da “barricadera” senza macchia e senza paura.
Dopo Mariangela Melato, di cui ho avuto il privilegio di vedere l’incarnazione di Madre Courage, il Teatro si ripiega per la seconda volta in pochi mesi in un doloroso “scurò” per la perdita di un’altra eccezionale Madre Courage nella vita reale e scenica (direi un’unica ed inscindibile dimensione per entrambe queste Donne).
Il Piccolo Teatro Strehler di Milano ha già accolto il suo piccolo corpo per renderle l’onore del sipario (http://www.piccoloteatro.org/news/1010 ).
Forse, però, a Franca Rame farebbe piacere rischiarare il mio Scurò con la strofa irriverente intonata da Enzo Jannacci insieme al Maestro Dario ed al Signor G. di “Ho visto un Re” (http://video.repubblica.it/dossier/addio-enzo-jannacci/jannacci-con-fo-e-gaber-nel-1968-ho-visto-un-re/123954/122441 ):
“E sempre allegri bisogna stare
che il nostro piangere fa male al re
fa male al ricco e al cardinale
diventan tristi se noi piangiam”.
Perché qualche re (o meglio reuccio) ci sarà anche oggi a recitare la sua parte…

Ti e' piaciuto? Si? No? Commenta! Continua a seguirci. Segui la nostra terapia per debellare l'Italiota che c'e' in te. Una buona lettura a settimana ti aiutera' :)
Controlla lo spazio "Coming Soon" nella colonna di destra per avere un assaggio delle prossime pubblicazioni.
Seguici, piacici, condividici su facebook, linkedin, twitter!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: