Bastona il Ricco per affamare il Povero – Strategia del consenso della sinistra 2.0

PAPERONE

Cari Italioti,

la campagna elettorale è ormai giunta al chilometro finale (o alla canna del gas, se preferite).

In quanto Italioti, assistiamo rapiti ed inermi allo spettacolo teatrale del “chi-la-spara-più-grossa” (e se non è grossa deve almeno essere diversa): spettatori solo all’apparenza non paganti – e qui il riferimento non è ancora al Canone RAI – di una farsa sapientemente messa in scena, con centinaia di figuranti, e dal finale per nulla scontato.

Tra le tante battute ad effetto (tutte accolte dal sonoro plauso del pubblico italiota), ricette miracolose (qui il plauso diventa giubilo) e cospirazioni giudiziarie (qui partono anche i lanci di monetine), ciò che qui vogliamo approfondire con voi, cari italioti, è il tanto discusso tema elettorale “Patrimoniale si, patrimoniale forse, patrimoniale assolutamente no”.

Ma cos’è la Patrimoniale? Chi ne sostiene l’applicazione? E, soprattutto, quali gli effetti?

In soldoni (l’espressione scelta non è casuale), la Patrimoniale è un’imposta che colpisce, o dovrebbe colpire, il patrimonio, mobiliare-immobiliare-finanziario, delle persone fisiche. Ovviamente, nel paese in cui l’evasione è un mestiere (ca. 18% del PIL – 120 miliardi di euro l’anno) il condizionale è d’obbligo.

Giusto per darvi qualche esempio, l’IMU è un’imposta patrimoniale che colpisce i gli immobili; il prelievo forzoso sui conti correnti (tanto caro al Governo Amato … così poco amato) è un’imposta patrimoniale sulle disponibilità finanziarie in forma di depositi su C/C; infine, il bollo auto è un’imposta patrimoniale sugli autoveicoli (patrimonio mobiliare, a meno che non abbiate una Fiat Regata, nel qual caso sarebbe più corretto parlare di patrimonio storico, certamente non artistico), al pari dell’imposta sulle imbarcazioni e al Canone RAI.

Come potete notare, cari italioti, la vostra esposizione alle imposte patrimoniali è praticamente universale.

Quanto al secondo quesito, “Chi ne sostiene l’applicazione”, il ricorso alle imposte patrimoniali è stato storicamente uno dei pilastri (non sempre sbandierato) delle politiche economiche di sinistra. Giusto per non allontanarci troppo nella dimensione spazio-temporale, si tengano a mente (a) il 75% di aliquota fiscale per le persone fisiche con reddito superiore ad 1 mln di Euro introdotto dal governo socialista francese Hollande (ancorché non qualificabile strettamente come imposta patrimoniale) e (b) l’uscita sinistra (o se vi pare, mal-destra) del più sinistrorso uomo politico della sinistra italiota, che pure è uomo colto, “I ricchi vadano al diavolo”.

Per certo, ai fornelli della destra italiota non si sente odore di ricetta Patrimoniale (figurarsi se Master-Porc è così scemo da darsi una mazzata sui maroni!! A lui i maroni non servono certo in cucina … eventualmente, solo in Lombardia). Sempre per rimanere sul recente-vicino, basti pensare alla vigorosa, stoica opposizione dei PDLecchini all’introduzione della Patrimoniale nella manovra “Salva Italia, salva freschezza, salve Regina” del governo degli eletti (non che lo siano stati tecnicamente, ma tant’è …).

Infine, andiamo ad analizzare quali sono gli effetti di una Patrimoniale.

Ma prima di addentrarci negli effetti, ci preme ricordarvi, smemorati italioti, la ratio ultima e nobile di questa imposta, ovvero il prelievo di ricchezza dai ceti abbienti (maledetti) per favorire la redistribuzione verso i ceti meno agiati.

Bene, ora siamo pronti per esaminare le conseguenze derivanti dall’applicazione di una patrimoniale, pari all’1% del patrimonio mobiliare e finanziario, ipotizzando due scenari: il primo è lo SceMario (non è un refuso) che possiamo definire “Scolastico”; il secondo è lo Scenario Italiota. In entrambi i casi, faremo uso di un cittadino italiano abbastanza ricco & famoso, come ad esempio il CONTRIBUENTE MISTERIOSO (non è mai carino parlare dei soldi degli altri), con un patrimonio di 100 mln di Euro (ne converrete sia abbastanza ricco e maledetto).

Nello SceMario Scolastico, a fronte della notizia dell’introduzione da parte del Governo Italiota dell’imposta patrimoniale, il CONTRIBUENTE MISTERIOSO non batte ciglio e, fedele alla gesucristiana visione del porgi-l’altra-guancia, versa all’erario 1 mln di Euro (100 mln x 1%). Col milione di Euro riscosso, il Governo Italiota comprerà tantissimi rotoli di carta igienica per i bambini delle elementari (anche di quelli colorati che tanto piacciono ai bambini), pagherà sussidi di disoccupazione agli operai vittime di licenziamenti, investirà in ricerca, permettendo a tanti giovani ricercatori emigrati di rientrare in patria, e tutti vissero felici & contenti.

Ma vi pare credibile come scenario? No. Evidentemente, no. Proprio per questo l’abbiamo chiamato SceMario Scolastico. Siamo in Italia, cari Italioti, non sui libri universitari.

Andiamo dunque allo Scenario Italiota. Avuto il lontano e vago sentore di una possibile vittoria elettorale della sinistra bolscevica (e quindi di una probabile applicazione della Patrimoniale), il CONTRIBUENTE MISTERIOSO ha sicuramente messo in atto una delle seguenti strategie difensive: (a) intestare tutte le proprietà al cugino cieco-sordo-muto nullatenente bielorusso (chi non ha un cugino in Bielorussia?); (b) prelevare dai conti bancari italioti e portare tutto in Svizzera; (c) trovare un cardinale amico degli amici (di quelli che non si possono nominare) e portare tutto nella Città del Vaticano; (d) trasferire la propria residenza in Russia, dall’amico Putin.

Di tutte queste ipotesi, prediamo come esempio l’ultima, come nel caso di Gérard Xavier Marcel Depardieu.

Il nostro povero CONTRIBUENTE MISTERIOSO, con le lacrime (di coccodrillo) agli occhi, fatte le valigie (anch’esse di coccodrillo) e caricate nella modesta Range Rover, si appresta dunque ad abbandonare mestamente il suolo italiota, vittima di un fisco vessatorio ed opprimente. Egli non cenerà più nel ristorante toscano prediletto (il cui titolare per far fronte alla perdita del migliore cliente licenzierà uno dei lavapiatti). Egli non ballerà più nel locale tanto amato della movida milanese (il cui gestore non avrà più bisogno dell’addetto alla sicurezza). Egli non attraccherà più nei porticcioli della Sardegna (che non avranno quindi bisogno di addetti alla manutenzione). Egli non percorrerà più le vie dello shopping in cerca della borsa Prada da 2 mila Euro per la propria amata (… e ci sarà bisogno di sempre meno commesse, operai, artigiani, addetti al trasporto, contabili, ecc. ecc). Alla fine non ci sarà bisogno nemmeno di voi, stupidi italioti sinistrorsi.

Siamo in Italia, signori. Se tutti pagassero onestamente le tasse, ci sarebbe forse bisogno di una Patrimoniale? E quand’anche si decidesse di introdurla, i destinatari non troverebbero forse un modo per aggirarne l’applicazione?

Fatti due conti, quella Patrimoniale che sui libri viene definita come una forma di redistribuzione della ricchezza, finirebbe per essere un ulteriore strumento per affamare quelli che la sinistra sostiene di difendere, i poveri. Ed è qui che casca l’asino. Forse è una strategia? Finché ci saranno poveri, servirà sempre qualcuno che ne prenda in cura gli interessi (lo si facesse veramente …). Eccola la strategia della nostra sinistra 2.0 (o meglio, 0.2): bastona zero ricchi e affama due poveri.

Ti e' piaciuto? Si? No? Commenta! Continua a seguirci. Segui la nostra terapia per debellare l'Italiota che c'e' in te. Una buona lettura a settimana ti aiutera' :)
Controlla lo spazio "Coming Soon" nella colonna di destra per avere un assaggio delle prossime pubblicazioni.
Seguici, piacici, condividici su facebook, linkedin, twitter!

Comments

  1. caro zurzolov, Grazie per questa chiara spiegazione. finalmente qualcuno che si preoccupa di snocciolare le questioni e non esprime solo idee. continua a spiegare!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: