Un tunnel senza uscita – da un esempio teorico, ma neanche troppo, alla profezia della non via d’uscita.

tunnel  I Fatti:

si riporta di seguito un esempio “ipersemplificato” di un’azienda  produttrice di pantaloni che,     per essere più competitiva e sopravvivere, decide di spostare la produzione all’estero.

L’azienda sopra citata subisce un calo di mercato importante negli anni 2010 e 2011. Sono 2 anni che vi è una perdita  netta in bilancio perché i suoi pantaloni non si vendono più e rischia di chiudere. Produrre in Italia costa troppo! La decisione di esternalizzare è legata al dimezzamento dei  costi del personale e l’azienda per continuare le sue attività decide di andare a produrre in Cina.

L’atteggiamento sopra citato è ovviamente causa di perdita di posti di lavoro.

In Cina, i costi di produzione degli stessi pantaloni risultano essere la metà di quelli che si sosterrebero porducendo in Italia.

Non vi è modo per l’azienda che produce pantaloni di competere con chi fa lo stesso prodotto e lo riesce a vendere a molto meno. Il consumatore medio italiano non si può più permettere di comprare i pantaloni made in Italy e l’azienda per non chiudere licenzia i prorpi dipendenti e traferisce la produzione in un paese in via di sviluppo.

“Meglio una gallina Domani”:

Un imprenditore lungimirante è chi continua ad esistere in un mondo che non accetta più il suo prodotto ad un prezzo così alto e per continuare a produrre si sposta altrove, dove i fattori economici glielo permettono.

La non lungimiranza invece si potrebbe anche chiamare:  scarsa propensione al cambiamento essere tranquili nel breve periodo, senza problemi coi lavoratori e i sindacati. In questo caso, l’imprenditore non si accorge che per continuare a sopravvivere deve cambiare prospettiva, modificare il suo prodotto e anticipare la crisi.

Effetti sociali:

L’imprenditore con bassa propensione al cambiamento sicuramente garantisce la stabilità ai suoi dipendenti nel breve periodo minando però le basi future. La scelta conservatrice non pagherà nel lungo termine; l’azienda è destinata a fallire non reggendo la competizione ed infine, per non creare disagi prima, si creerà maggiore disoccupazione.

Solitamente un imprenditore che decide di esternalizzare la produzione viene visto come sfruttatore dei lavoratori, che appena ne ha avuto l’opportunità si è fiondato a produrre all’estero, magari dimezzando o riducendo a un terzo la forza lavoro locale.

Dal punto di vista sociale però il produttore italiano, andando a produrre in Cina, assume persone che prima non lavoravano e che hanno diritto a crescere come abbiamo fatto noi europei per primi.

Se vogliamo fare un gioco delle somme, chi decide di andare a produrre all’estero crea ricchezza sociale per un numero di persone più alto, i cinesi e i pochi italiani che sono rimasti nella sede locale, rispetto allo zero che troviamo nel caso in cui l’azienda fallisca.

Le vie d’uscita proposte dalla politica e il fallimento delle classiche politiche sindacaliste:

Le differenti ispirazioni politiche propongono diverse letture e soluzioni.

I politici e i movimenti di sinistra parlano di salari, diritti acquisiti, ecc. I movimenti di destra propongono taglio di imposte, liberismo e mercato. I movimenti di centro cercano di coniugare le 2 cose togliendo un po’ all’uno e un po’ all’altro.

Le diiverse ricette propongono modelli tutti più o meno condivisibili che non analizzeremo ora. Forse l’unica cosa per cui ha senso lanciare una provocazione sono i sindacati dei lavoratori.

I sindacati estremisti classici dalla FIOM alla CGIL, cercando di salvare i diritti acquisiti di tutti in realtà non salvano nessuno nel lungo periodo. Per non puntare sulla qualità e tutelare i migliori, chi lavora bene e produce, mandano tutto a scatafascio, tutelando chi non lavora e si inasconde dietro all’impossibilità di licenziare in Italia un lavoratore dipendente anche se nullafacente. Tutto questo crea disoccupazione, chiude la possibilità ai giovani fuori dal mondo del lavoro di entrarvici per prestare la loro opera ed inoltre rende le aziende meno competitive e gli da una scusa proprio per portare all’estero le proprie produzioni. Il tema del ricollocamento del lavoratore che non è produttivo andrebbe ovviamente trattato a parte.

Che fare?

Tutte le politiche economiche proposte fin ora dai governanti sembrano aver fallito. Come sfuggire a una spirale che sembra infinita? Tutto è basato solo su noi stessi? sull’essere umano che ce la fa da solo? Sull’imprenditore illuminato e sull’operaio capace? Stiamo lentamente tornando all’Homo Homini Lupus e contemporaneamente stiamo buttando via secoli di pensiero sociale europeo ed esperienze felici di socialdemocrazia.

Mi viene il dubbio però che lo stato sociale Europeo per funzionare si sia sempre fondato sull’affamare l’altra metà del mondo.

Forse, ora che lavorano tante persone che prima morivano di fame nei paesei in via di sviluppo e che tanti lavoratori europei non hanno lavoro, ci dobbiamo solo rassegnare al fatto che la storia socioeconomica è un ciclo e ci troviamo nel periodo di discesa. Politiche di destra o di sinistra potrebbero affrontare diversamente la crisi che ci attanaglia, ma infondo devierebbero solo di poco la direzione che è molto chiara e non per colpe occulte, ma perché la società è fatta così.

Stiamo cadendo dalla montagna e stiamo cercando di frenare il naturale evolversi degli eventi per soffrire di meno all’impatto con le roccie sottostanti , ma alla fine lo schianto ci sarà lo stesso. Bisognerà capire il numero di morti e feriti, fare in modo che ce ne siano il meno possibile, per poi ricominciare a risalire, un’altra volta, per poi cadere ancora.

Ti e' piaciuto? Si? No? Commenta! Continua a seguirci. Segui la nostra terapia per debellare l'Italiota che c'e' in te. Una buona lettura a settimana ti aiutera' :)
Controlla lo spazio "Coming Soon" nella colonna di destra per avere un assaggio delle prossime pubblicazioni.
Seguici, piacici, condividici su facebook, linkedin, twitter!

Comments

  1. Chi ha avuto la possibilità di studiare, conoscere altre culture e lingue può rifarsi su più risorse per fronteggiare una possibile perdita del posto di lavoro, può riciclarsi e rimettersi più facilmente in gioco, può andare a tentare un’esperienza dall’estero..
    Un operaio che per tutta la vita ha conosciuto solo la fabbrica, la catena di montaggio alienante, e che si dovesse trovare senza più un posto di lavoro si ritroverà in una situazione difficile da cercare di cambiare.. Si accontenterà di lavori in nero, senza garanzie pur di guadagnare qualche euro – e allora mi viene in mente un vecchio slogan: come mai sempre in culo agli operai?
    Macroeconomicamente il tuo ragionamento non fa una piega però!

  2. caro marcoff grazie del commento.
    è vero, sono d’accordo con te che purtroppo è: sempre in culo agli operai! come fare? non so. La lettura dell’articolo infondo sostiene la tesi che non ci sia nulla da fare e che ce la fa solo chi ha studiato, che è stato all’estero, è capace come hai detto tu. è proprio lo stato sociale come lo conosciamo: ammortizzatori, sussidi di disoccupazione, cassa integrazione e via dicendo che non bastano più! come fare? come tornare a crescere? tante ricette per rendere l’impatto più morbido, ma che prima o poi arriverà lo stesso.
    forse l’unica vera ricetta è davvero quella che ci dicevano i nostri nonni: studiare e fare da sè!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: